Mindfulness e Allenamento: come la meditazione aiuta in palestra

Mindfulness e Allenamento

Lo avresti mai detto che una testata come la Gazzetta dello Sport arrivasse a parlare di Mindfulness e Allenamento e di come la meditazione aiuta in palestra? Si perchè la pratica di meditazione può influenzare positivamente non solo il tuo stato mentale ma anche l’allenamento con i pesi.

Scopri in questo articolo come la meditazione aiuta ad ottenere risultati migliori. Io sono Federica Canton, sportiva ed appassionata di fitness oltre che di meditazione e in questo articolo voglio raccontarti, frutto anche della mia esperienza, di come la meditazione può aiutarti in palestra.

Mindfulness e Allenamento: ecco come la meditazione aiuta in palestra

La combinazione meditazione e allenamento in palestra può parti strana, quasi forzata. In realtà non è cosi e a pensarlo non sono solo io e gli altri praticanti della meditazione ma anche numerose palestre all’interno delle quali sono nati percorsi di meditazione e bodybuilding.

Se segui Mente Rillassata da un pò sai come la meditazione è la pratica attraverso la quale ci si pone in uno stato di benessere vivendo nel qui e ora. Stando seduti o distesi si pratica il Body Scan ovvero si dirige la propria attenzione, con consapevolezza, al proprio corpo. Questo crea una connessione neuro-muscolare importante.

Se ti è capitato di praticare boy building o, più in generale, eseguire esercizi di sollevamento pesi, dovresti sapere quanto sia importante non solo la quantità di pesi presenti sul bilanciere ma quanto quei chili siano concentrati sul muscolo.

Essere consapevoli dell’esercizio che si va eseguendo è importante sia per una corretta esecuzione dello stesso che per un migliore risultato. Non a caso uno degli esercizi che ti ho consigliato per praticare il qui è ora è mediante un attrezzo ginnico: la tavola propriocettiva.

La meditazione per evitare gli infortuni

La pratica della meditazione è importante anche per prevenire gli infortuni. Se ti alleni senza ascoltare risposte ed esigenze del tuo corpo è più facile incorrere in spiacevoli infortuni, lesioni o strappi muscolari. Praticando la consapevolezza del momento presente ti sarà più facile percepire rigidità muscolari, che magari hai bisogno di sciogliere, fastidi o tensioni.

Per prevenire gli infortuni pratica la meditazione di consapevolezza sia mentre esegui l’esercizio, per conoscere la risposta del tuoi muscoli a quello specifico movimento, sia a sessione di allenamento terminata. Ascoltati, ascolta il tuo corpo e procedi con il Body Scan per riuscire a comprendere aree di tensione o rigidità e, attraverso la respirazione controllata, prova a scioglierle.

Certo, se non hai mai praticato la meditazione tutto questo ti sembra stregoneria o fantascienza ma, credimi, la meditazione può davvero cambiarti la vita e, in questo caso, il fisico. Se vuoi iniziare leggi l’articolo come iniziare a meditare da soli.

Mindful BodyBuilding: una palestra di training e mindfulness

I ragazzi della Gold’s Gym di Milano hanno compreso appieno quanto la meditazione sia importante, sia per il benessere mentale che per quello fisico. Per questo hanno deciso di creare Mindful Bodybuiling, un allenamento che è 50% motivazione e 50% meditazione.

Riporto le parole di Massimo Palmieri, uno dei trainer di Gold’s Gym  “Oltre ad utilizzare la mindfulness a fine allenamento ho iniziato a inserire una mini meditazione durante la serie dell’esercizio. Chiudo gli occhi e porto l’attenzione sul mio corpo, sul gruppo muscolare che sto cercando di colpire. Ho notato che dopo pochissimo tempo che la mia forma fisica migliorava come mai successo prima. Quando i carichi erano in stallo ho cominciato ad ascoltare il mio corpo profondamente”.

Da qui l’idea di creare un programma specifico grazie al quale i ragazzi che si allenano vengono accompagnati in meditazioni consapevoli al fine di massimizzare l’efficacia dell’allenamento. In ultimo, al termine della sessione di sollevamento pesi, viene fatta loro fare della meditazione al fine di rilassare muscoli e mente.

Conclusione

La meditazione non è solo stare seduti, immobili e respirare. Meditare vuol dire essere consapevoli, presenti nel momento presente e ascoltare il proprio corpo e le proprie sensazioni. Puoi meditare camminando o stando ferma, l’importante è che tu sia nel qui e ora.

Personalmente, oltre a praticare la meditazione mentre corro o eseguo il mio allenamento HIT, amo profondamente dedicare del tempo a me stessa dopo l’attività fisica. Mi fermo e per dieci minuti pratico meditazione. Mi aiuta a caricarmi di energia positiva, scaricare lo stress e la tensione fisica dell’allenamento e velocizza il recupero muscolare. 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.