Monte Tremol Cristo in Piancavallo: dove la pace allieta la mente

Questo itinerario di meditazione in movimento si svolge sulle montagne della provincia pordenonese ed in particolare sul Monte Tremol. Un percorso facile, adatto a chi ha un minimo di allenamento che consente di arrivare al Cristo in Piancavallo, un monumento scolpito da Helmuth Schmalzl, ex sciatore professionista facente parte del gruppo La Valanga Azzurra.

Questo è un luogo che amo particolarmente, che riesce a rigenerarmi ogni volta e ogni volta mi riempie il cuore e dona infinite emozioni. Amo talmente tanto questo posto da frequentarlo in ogni momento. In estate, primavera, interno e anche in notturna, specie con la luna piena.

Vediamo insieme come raggiungere questo luogo dove rigenerarsi ideale per riconnettersi con la natura e punto spettacolare per meditare.

Cristo in Piancavallo: l’escursione al Monte Tremol

Da dove partire per l’escursione al Cristo in Piancavallo

Lasciata l’auto al parcheggio del Palaghiaccio di Piancavallo la prima meta da raggiungere è quella della Baita Arneri. É possibile farlo prendendo la “direttissima” ovvero utilizzando parte della pista da sci oppure seguire il Sentiero Gerometta che parte proprio nei pressi del parcheggio.

Se non sei pratico di montagna, non conosci la zona e magari non hai un buon orientamento, ti consiglio di seguire la strada diretta.

Sali quindi lasciandoti alla destra l’impianto di risalita Tremol e procedi per qualche metro costeggiando la pista. In prossimità della curva del Fun Bob trovi il sentiero, cementato per un piccolo pezzo, che dovrai imboccare. La salita procede quindi sempre con dislivello attivo alternando passaggi su sentiero a porzioni di pista.

La prima parte del percorso, se scegli di camminare sotto il bosco, è un ottimo luogo per poter praticare il “qui ed ora” ovvero la meditazione di consapevolezza del momento presene. Presta attenzione ai colori degli alberi, ai profumi del bosco e al canticchiare degli uccellini. La meditazione di camminata è questo. L’apprezzare e godere del momento presente senza perdersi nei pensieri o in preoccupazioni future.

Dalla Baita Arneri alla Val Sughet – Cristo

Giunti in prossimità del Rifugio Baita Arneri, dal quale si può godere di una magnifica vista sulla pianura pordenonese hai la possibilità di scegliere se proseguire salire lungo il sentiero o, anche in questo caso, optare per la direttissima ovvero lungo la pista da sci Tremol.

monte cristo piancavallo tremol

Prima di procedere con la salita verso il Cristo in Piancavallo donato dal grande sciatore Helmuth Schmalzl ti consiglio di alzare gli occhi verso il costone della montagna alla tua destra. Da li puoi ammirare il Cristo che presto, passo dopo passo raggiungerai.

Se scegli di seguire il sentiero dovrai camminare inizialmente lungo una fascia boscosa al termine del quale si raggiunge la soglia della Val Sughet a quota 1728 mt. Da qui la vista è spettacolare: in un solo colpo d’occhio si possono ammirare i monti Tremol, Colombera, Cimon di Palantina, Cima Manera e Cimon dei Furlani.

La pace del Cristo in Piancavallo al Monte Tremol

Giunti in cima la vista è unica, talmente bella da lasciare senza parole.

Quello che mi piace fare, una volta arrivata qui, è chiudere gli occhi, mettere le cuffiette e, con un dolce rumore di sottofondo, meditare. Ascoltare il mio respiro e contemplare il momento presente per poi aprire gli occhi e lasciarmi inebriare da tanta bellezza che la natura offre. 

monte tremol cristo piancavallo

Dettagli Percorso

🚶‍♂Periodo Consigliato: da aprile a metà novembre
🌿 Tipo di Attività: escursione in montagna
🗺 Mappa GPS: Link Strava

Un grazie per la foto del Cristo a Lucilla Selva

4 Comments

  1. Quanto mi piacerebbe rigenerarmi passeggiando per sentieri simili, ascoltando solo idolci suoni della natura! Credo che opterò per questo genere di spostamenti quest’anno, evitando città turistiche e situazioni affollate. Mi hai dato un ottimo spunto per uno dei prossimi week end.

  2. Il mio desiderio è arrivar lassù al Cristo almeno una volta. Grazie per la mappa saluto

    1. Ciao Daniela. Sono sicura che ci riuscirai e vedrai sarà bellissimo. Poi fammi sapere com’è andata. Grazie a te per il tuo commento.

  3. Una passeggiata davvero suggestiva e perfetta per ritrovare se stessi in un periodo in cui tutto sembra andare troppo di corsa

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.