Perché non riesco a dire di no

perchè non riesco a dire di no

Che si tratti di fare più lavoro di quanto tu debba fare, o di dire di sì a piani che non hai assolutamente alcun interesse a partecipare, la maggior parte di noi ha difficoltà a dire “no” soprattutto in alcuni momenti della vita. Ma cosa rende così difficile e perché non riesco a dire no, una semplice monosillaba?

Il bisogno di connessione sociale

Le relazioni umane e le iterazioni che abbiamo nascono da un bisogno di connessione che, nella scala dei bisogni di Maslow, risultano essere al terzo posto quindi di grande importanza. L’intrattenere relazioni sociali, specie in questo momento sociale/storico, ci lega al legame di reciprocità che ci fa sentire “obbligati” socialmente a non dire no.

Uno dei nostri bisogni fondamentali è la connessione sociale e la sensazione di appartenere. Dire “no” sembra minaccioso per le nostre relazioni e interazioni.

Ogni giorno compiamo degli sforzi per adattarci, essere apprezzati dai nostri coetanei e ci preoccupiamo che dire quei “no” possa far sì che quegli stessi coetanei ci rifiutino.

Il bisogno di connessione sociale, inteso come lo viviamo in questo particolare periodo storico, è deformato e ci ha portato a vivere in una “cultura del sì” in cui ci si aspetta che la persona che abbiamo davanti dica sì a qualsiasi cosa gli venga detta.

La paura di dire no

La paura di dire no deriva anche dall’impulso di evitare conflitti o scontri. Un ulteriore motivo e paura per il quale non riesci a dire no è perché ci sembra di deludere gli altri o ferire i loro sentimenti.

Nella vita privata così come nel lavoro abbiamo paura di dire no perché questo impedisce di andare avanti nella vita. Il problema di questo è che ha portato le persone a interiorizzare l’idea che bisognerebbe lavorare ventiquattr’ore su ventiquattro. Ovviamente questo non è vero.

Dal punto di vista lavorativo, lavorare ventiquattr’ore su ventiquattro continuando a procrastinare i “no” porta, gradualmente, all’esaurimento e quindi all’incapacità di svolgere bene il proprio lavoro. Infatti, come dice la famosa Dara Blaine coach imprenditoriale di Los Angeles, “E’ quando le persone imparano a dire no che le loro carriere iniziano davvero a decollare”.

Quando è più difficile dire no

La tendenza a farci carico di più cose di quelle che vorremmo può accadere in qualsiasi circostanza. Potresti trovarti a dire “sì” controvoglia al tuo superiore, a tuo figlio, al partner ma anche alle tue amiche quando:

  • Non vogliamo deludere la persona che ci sta facendo la richiesta perché pensiamo che poi la persona possa avere un giudizio negativo di noi;
  • Siamo sul posto di lavoro e i nostri superiori si aspettino che rispondiamo in velocità senza darci la possibilità di riflettere, magari sull’effettiva fattibilità della richiesta;

In questi momenti la nostra risposta (ossia dire “sì”) è guidata dalla nostra ansia e dal desiderio di compiacere piuttosto che dal pensiero logico. La cosa difficile del pensiero guidato dall’ansia è che in questi momenti pensiamo agli scenari negativi (chissà cosa penserà di me, crederà che io non abbia voglia di fare nulla, non mi chiederà più niente) piuttosto che essere realisti. Viviamo con il pilota automatico (se non sai cosa sia, ti consiglio di leggere “La consapevolezza del momento”).

Come fare per imparare a dire no

Se ti stai chiedendo perché non riesco a dire di no e come fare per imparare a dire di no devi sapere che il primo passo consiste nell’ottenere un po’ più di spazio per riflettere sulla richiesta che ti è stata fatta usando la mente logica e razionale piuttosto che ansia e istinto.

Quando ti viene fatta una domanda abituati a dire qualcosa come “Mi piacerebbe pensarci prima di darti una risposta” o “Dovrò controllare il mio diario prima di darti una risposta”. Questo ti darà la possibilità di allontanarti e considerare l’opportunità razionalmente.

Una volta che sei lontano dalla situazione, prenditi un po’ di tempo per riflettere attentamente su ciò che ti viene chiesto. È qualcosa di cui hai capacità, cosa dovresti sacrificare per farlo. È una buona idea a questo punto ricordare a te stesso ciò che è importante per te nel momento in cui ti viene fatta la richiesta. La nuova offerta/richiesta è in linea con le tue priorità al momento?

Impara a chiederti:

  • Cosa ho paura che accada? Il mio capo sarà deluso e non mi darà mai più un’altra opportunità (* nota lo scenario negativo di questa ipotesi)
  • Qual è la prova che ciò accadrà;
  • Quali sono le prove contro questo accadimento;

Infine, prenditi un pò di tempo per formulare e trovare una risposta equilibrata. Quando dici di no, considera anche di sottolineare che apprezzi l’offerta, ma che non hai la capacità per farlo in questo momento e che odieresti assumerla solo per fare male il lavoro.

Non aver paura di fare pratica di ciò che potresti dire davanti a uno specchio o a una persona cara. Dire di no è una cosa nuova per molti di noi e la pratica rende perfetti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.